Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Rino

rino

Rino mania tra i vip: ecco i risultati straordinari ottenuti dalle star che si sono rifatte il naso

Insieme agli interventi al seno e ai lifting la rinoplastica – o rino- è l’operazione di chirurgia estetica più richiesta.

La rino permette di rimpicciolire nasi troppo grandi o “a patata”, eliminare le piccole gobbette, raddrizzare il setto nasale o modificare la forma della punta del naso per conquistare, per esempio, un nasino alla francese.

Tutti d’altra parte abbiamo desiderato almeno una volta nella vita di cambiare qualcosa di noi stessi: le star non sono da meno e anche nei modesti interventi chirurgici correttivi si nasconde, a volte, il segreto del loro successo.

La rino di Blake Lively: un piccolo ritocco per un effetto favoloso

Blake Lively, splendida attrice statunitense (Adeline, Chiudi gli occhi, Café society), era già bellissima prima della rino ma evidentemente desiderava cambiare la forma del suo naso, con punta all’ingiù e narici larghe. Dopo la rino sembra che l’armonia del suo volto ne abbia guadagnato e che il suo fascino sia raddoppiato. Il nuovo naso di Blake è piccolo e sottile e arricchisce ulteriormente le delicate proporzioni del suo viso, nonostante sia bastato pochissimo per ottenere questo miglioramento.

La rino di Miley Cyrus: il regalo di un naso più aggraziato

Anche Miley Cyrus si è sottoposta a un intervento di rinoplastica per rimpicciolire il naso sui due lati. Le foto della cantante prima e dopo parlano chiaro: l’operazione le ha regalato un naso più affilato, con narici più piccole, che non distrae l’attenzione dal magnetismo dei suoi occhi celesti e dal sorriso.

La rino di Angelina Jolie: oltre alle labbra c’è di più

Angelina Jolie è considerata un modello da imitare quanto a forma e volume delle labbra, tanto che le “Jolie lips” sono tra le più richieste nei centri di chirurgia estetica. Nel suo caso però la modifica più evidente ha riguardato proprio il naso. La rino di Angelina ha risolto l’inestetismo lamentato dall’attrice a proposito della gibbosità: dopo l’operazione il naso è perfettamente dritto e più equilibrato.

La tua rino: sei insoddisfatta del tuo naso?

Gli esempi di rinoplastica qui sopra, da cui le nostre pazienti traggono spesso ispirazione, confermano un dato molto importante: per ottenere un guadagno in coerenza e delicatezza del volto non bisogna per forza sottoporsi a operazioni gravemente invasive, che modificano il naso riscrivendone del tutto l’aspetto.

Per farti sentire più soddisfatta del tuo aspetto e migliorare la tua autostima potrebbe bastare un piccolissimo ritocco, in regime di day hospital o, addirittura, un intervento non chirurgico di rino filler.

Il rino filler consiste in piccole iniezioni a base di acido ialuronico riassorbile che può eliminare la gobba, alzare la punta del naso e risolvere il “naso a sella”, cioè l’abbassamento del dorso nasale che crea spesso anche problemi di respirazione.

La rino vera e propria invece è un’operazione di un paio d’ore che si svolge in anestesia generale e in sala operatoria ma che offre il vantaggio di poter essere abbinata alla rinosettoplastica per correggere anche eventuali difetti di respirazione.

Se desideri migliorare l’aspetto del tuo naso la rino o il rino filler sono senz’altro gli interventi più indicati ma è importante che tu non ti senta obbligata a sottoporti ad un’operazione a causa del giudizio degli altri. Solo il giudizio che hai di te stessa conta.

Per restare in argomento “stelle del cinema” è notizia di questi giorni la dichiarazione di Jennifer Grey, adorabile protagonista di Dirty Dancing che, presentando il suo libro autobiografico, ha dichiarato ai giornalisti: “Mia madre ha sbagliato quando mi ha consigliato di rifarmi il naso, la rinoplastica ha rovinato la mia carriera!”. L’imperfezione di Jennifer, il suo naso così particolare, erano parte della sua identità e le hanno conferito nel ruolo di Baby un carattere forte. Secondo l’attrice proprio aver deciso di modificarne la forma avrebbe avuto un effetto negativo sulla sua vita professionale, rendendola meno riconoscibile e quindi meno apprezzata per questa sua particolarità.