Precedente
Successivo
Precedente
Successivo

Tricologia
trapianto capelli

Trapianto capelli: quando è la scelta giusta?

Il trapianto capelli è una soluzione estrema e non sempre risolutiva, cui si può ricorrere solo dopo avere attuato tutte quelle misure che contrastano il progredire della calvizie, in base alla causa che l’ha scatenata. La calvizie è un processo non sempre reversibile che, se curata correttamente, in alcuni casi si può soltanto rallentare. Questo significa che, se hai fatto un trapianto capelli ma non hai seguito un programma medico dermatologico specifico per il tuo problema, finirai per perdere anche i capelli trapiantati. E questa è una verità che in pochi ti diranno perché è nato, soprattutto nei paesi extraeuropei, un vero e proprio business della calvizie: il trapianto a tutti i costi, anzi, a basso costo. Anche se non rappresenta la soluzione al tuo problema.

Trapianto capelli low cost

Il trapianto capelli low cost è un business che mette a repentaglio la tua sicurezza, poiché un autotrapianto capelli è un vero e proprio intervento chirurgico che deve essere eseguito da un medico chirurgo specializzato e non da personale infermieristico, come spesso accade in strutture sanitarie che non rispondono agli standard di sicurezza richiesti. Quando un trapianto di capelli costa poco, ad essere a rischio è la tua sicurezza.

Nei Centri DIVENTA® consideriamo il trapianto di capelli come l’ultimo tentativo da fare. Riteniamo sia un passo da compiere solo quando il paziente vive con forte disagio la sua calvizie e se ha già tentato con le terapie consigliate senza ottenere alcun risultato. Il nostro paziente viene informato ed è a conoscenza del fatto che, per mantenere i risultati ottenuti, dovrà sottoporsi a costanti sedute medico-dermatologiche.

Conoscere le cause della perdita dei capelli prima di ricorrere al trapianto capelli

Il termine “alopecia” deriva dal greco alópex (volpe), simpatico animale che nel periodo primaverile, durante la muta, perde il proprio pelo a chiazze.
L’alopecia, femminile e maschile, può manifestarsi con una temporanea caduta dei capelli o una perdita di capelli precoce e definitiva.
Le principali cause dell’alopecia, che possono anche combinarsi tra loro complicando ulteriormente la situazione, sono:

  • cause genetiche: queste sono responsabili in particolare dell’alopecia androgenetica o calvizie comune. Se poi intervengono anche altri fattori, come stress o disfunzioni ormonali, la caduta dei capelli si può rivelare irreversibile;
  • cause ormonali: livelli anomali di testosterone, disfunzioni della tiroide, dell’ipofisi o delle ghiandole surrenali, causano spesso un’intensa caduta dei capelli;
  • cause alimentari: carenza di proteine, vitamine o minerali, anemie, anoressia o diete troppo restrittive possono essere il motivo di carenze nutrizionali che minano la salute dei capelli;
  • cause chimico-farmacologiche: la chemioterapia, un prolungato uso di farmaci per l’insufficienza cardiaca e l’assunzione di antidepressivi possono essere la causa della caduta dei capelli;
  • cause psicologiche: ritmi di lavoro e di vita innaturali causano un forte stress all’individuo e questo si può manifestare anche sotto forma di alopecia e caduta dei capelli.


Esistono vari tipi di alopecia, che si distinguono in base alla temporaneità della caduta di capelli a cui danno origine.

Alopecie cicatriziali

Quando la caduta dei capelli è accompagnata da atrofia o distruzione dei follicoli piliferi, tanto che ne risulta impossibile la ricrescita, si parla di alopecia cicatriziale. Questa può essere asintomatica oppure accompagnata da prurito, bruciore e dolore che si intensificano con il progredire del tempo.

Di seguito, analizziamo i vari tipi di alopecia cicatriziale.

  • Alopecia seborroica: provoca una caduta precoce dei capelli e colpisce in genere gli uomini già a partire dai vent’anni. Si manifesta con un’iniziale stempiatura su fronte, tempie e vertice del capo. Il sebo in eccesso si accumula nei dotti escretori dei follicoli piliferi impedendo la loro normale ossigenazione e provocando l’indebolimento e la caduta dei capelli. I sintomi dell’alopecia seborroica sono prurito e indolenzimento del cuoio capelluto, oltre a comparsa di forfora grassa. Talvolta questo tipo di alopecia si associa all’alopecia androgenetica.
  • Alopecia pytirianica o da forfora: le squame di forfora tendono a creare un ambiente seborroico ostile alla crescita e allo sviluppo del capello. Questo fenomeno comporta l’ostruzione dei follicoli che non vengono ossigenati a dovere e causa l’atrofia del bulbo pilifero.
  • Alopecia da tricotillomania: è un tipo di alopecia che si verifica quando una persona ha l’abitudine di giocare con i capelli oppure ha la mania di grattarsi la testa in continuazione ed è molto più frequente nelle donne. In questi casi, i capelli di alcune aree del cuoio capelluto potrebbero iniziare a diradarsi sempre di più. A seconda della gravità e della durata del disturbo ossessivo compulsivo, il danno ai follicoli può essere temporaneo oppure provocare danni irreversibili.
  • Pseudo alopecia di Brocq: ancora oggi, la causa di questa alopecia è sconosciuta. È comunque facilmente riconoscibile perché sul cuoio capelluto si presentano tante piccole porzioni irregolari prive di capelli, una vicina all’altra. Ha una lenta evoluzione e spesso, dopo anni dall’inizio della manifestazione, la patologia si arresta spontaneamente.
  • Alopecia cicatriziale secondaria a Lupus eritematoso: questa alopecia si manifesta quando le cellule della cute e dei follicoli vengono disgregate dalla malattia autoimmune del Lupus. Le cicatrizzazioni follicolari che ne conseguono compromettono infatti la ricrescita dei capelli. La sua comparsa può anche essere anche molto rapida e violenta.
  • Defluvium anagen: in questo caso, la caduta dei capelli si manifesta quando questi non hanno ancora terminato il loro ciclo di ricrescita. Non avendo il tempo di svilupparsi, i capelli risultano sottili, con bulbi poco sviluppati e di dimensioni ridotte. Di solito cominciano a cadere dopo circa un mese dall’evento scatenante che molto spesso è una patologia del cuoio capelluto.
  • Alopecia attinica (da radiazioni): esporre i capelli ai raggi ultravioletti, specie ai raggi X, può causare un’alopecia cicatriziale irreversibile.
  • Alopecia senile: con l’invecchiamento, i follicoli si atrofizzano e questo porta alla caduta dei capelli. In alcuni individui anziani, comunque, i cicli di ricrescita dei capelli sono talmente lunghi da consentire alla capigliatura di stare al riparo dall’alopecia fino a tarda età.

Sono stata trattata davvero bene. Sempre calorosi e professionali, a differenza di altri che dopo non vogliono essere disturbati. I risultati sono sorprendenti: il mio fidanzato dice che non riesce a smettere di sognarmi! I miei seni sono simmetrici e la forma ogni giorno più naturale.

Gaia M. 32 anni - Milano

Mastoplastica Addittiva

Non so esprimere la gioia per il risultato dell’intervento al seno fatto per correggere un precedente risultato negativo: ho riavuto indietro la mia vita e la mia autostima! Medico e assistenti mi hanno dato il tempo per porre qualsiasi domanda. Ora il mio seno è fantastico. Un enorme grazie!.

Patrizia S. 53 Anni - Torino

Mastopessi Additiva

Vorrei esprimere la mia soddisfazione per l’incredibile servizio ricevuto. Fin dall’inizio livello eccezionale: attenzione ai dettagli, abilità chirurgiche ed empatia rara. Sono persino riusciti a recuperare i dati delle protesi messe 14 anni fa! Non avrei potuto scegliere un centro migliore.

Paola V. 47 Anni - Roma

Sostituzione Protesi

Sono molto soddisfatta dei miei risultati dieci giorni dopo l’intervento e per tutto il tempo mi sono sentita in mani molto sicure. Tutto il personale si è preso cura di me, sono stati gentili e attenti. Mi hanno messa completamente a mio agio. Grazie a tutti di nuovo, siete adorabili!

Vanessa T. 25 anni - Salerno

Mastoplastica Additiva

Dopo molte ricerche ho scoperto che la mastopessi sarebbe stata la migliore soluzione per il mio seno cadente. Medico e assistenti mi hanno spiegato dettagliatamente cosa comportava l’intervento e i risultati ottenibili. Ora è passato un mese e sono al settimo cielo. Grazie infinite, vi amo!

Emma B. 31 anni - Ferrara

Mastopessi

Lo staff è stato a dir poco fantastico. Capiscono esattamente quello che vuoi fin dalla prima visita, non solo dal punto di vista medico, ma anche umano: persone gentili, competenti e super disponibili. Li consiglierei al 100%!!!

Shiva A. 39 anni - Ancona

Mastoplastica Additiva

Fin dalla prima visita ho apprezzato la cura con cui mi hanno trattata. Sono una trans e spesso veniamo trattati come fenomeni e non come esseri umani. Loro sono stati straordinari! Dopo 9 settimane sono assolutamente felice delle mie nuove tette, tutto ciò che avrei potuto desiderare!

Miriam E. 41 anni - Parma

Mastoplastica Additiva

È così bello adesso indossare reggiseni e bikini e sentirmi davvero superfemminile. Posso onestamente dire che a 41 anni mi sento più felice e a mio agio con il mio corpo di quanto sia mai stata e non riuscirò mai a ringraziare abbastanza tutto lo staff. Lo rifarei altre cento volte.

Andrea L. 41 anni - Livorno

Mastoplastica Additiva

Alopecie temporanee

L’alopecia temporanea si verifica quando la caduta di capelli preserva dall’atrofia o dalla distruzione i follicoli piliferi che, opportunamente stimolati, danno origine alla ricrescita dei capelli.
Anche in questo caso, esistono diversi tipi di alopecia temporanea:

  • Alopecia da stress: causata dalla reazione psicosomatica alle tensioni nervose provocate da stress e traumi psicologici.
  • Effluvium telogen: è una forma di alopecia reversibile che in media dura circa due mesi. L’abbondante caduta di capelli è causata da avvenimenti fisicamente o emotivamente significativi accaduti nei mesi precedenti, come: parto e allattamento, ingestione di farmaci in dosi elevate, interventi chirurgici ed emorragie, anestesia, stati febbrili acuti, stati depressivi, situazioni nevrotiche, lutti, sospensione di contraccettivi. Si tratta di un fenomeno diffuso soprattutto fra le donne.
  • Alopecia areata: si tratta di un’infiammazione autoimmune che distrugge il normale ciclo del capello e si manifesta con aree del cuoio capelluto completamente calve e circondate da zone densamente popolate da peli. Le cause dell’alopecia areata sono tante ma ancora poco chiare. Intervenendo sul cuoio capelluto con trattamenti stimolanti e iperemizzanti (che richiamano sangue), di solito i capelli ricrescono di colore bianchiccio, per poi riacquistare gradualmente il loro colore naturale.
  • Alopecia decalvante: detta anche alopecia totale, colpisce tutto il cuoio capelluto lasciando la persona completamente calva. Spesso la perdita di capelli è improvvisa, avviene nel giro di poche settimane, e si può verificare in qualsiasi momento della vita ed a qualsiasi età.
  • Alopecia da disordini circolatori: questa si manifesta quando l’accumulo di scorie e di lipidi da eliminare comprime i capillari e riduce l’afflusso del sangue ai bulbi piliferi. La carenza di nutrimento e ossigenazione genera capelli deboli, spenti e scoloriti, con forte rischio di caduta.
  • Alopecia da disordini nervosi: è causata da un disturbo del sistema nervoso simpatico che prende il comando sul sistema nervoso vago, compromettendo il corretto nutrimento dei capelli e innescando l’alopecia.
  • Alopecia da scompensi vitaminici: sono molte le vitamine coinvolte nel processo della crescita dei capelli, soprattutto quelle del gruppo B. In alcuni casi, la mancanza o l’eccesso di qualcuna di queste vitamine può compromettere la salute dei capelli e causarne la caduta.
  • Alopecia da disfunzioni endocrine: le disfunzioni ormonali possono provocare alopecia ma una volta curate i capelli torneranno a crescere.
  • Alopecia da stati infettivi: è prodotta da malattie infettive ma reversibile con le cure adeguate.
  • Alopecia da malattie gravi:  si manifesta durante il decorso di malattie quali leucemia, anemia e diabete; normalmente la caduta di capelli è reversibile.
  • Alopecia da ipervitaminosi “A”: una somministrazione eccessiva di vitamina A può provocare l’alopecia, anche in questo caso. il processo è completamente reversibile.
  • Alopecia da intossicazione: tipica delle persone che sono vittime di intossicazioni alimentari o farmacologiche. Colpisce inoltre le persone che inalano composti chimici tossici senza adeguata protezione. Rimuovendo le cause, l’alopecia regredisce.

Rimedi e cure per l’alopecia

I rimedi efficaci contro l’alopecia sono i trattamenti medico-dermatologici che permettono di rallentare la caduta dei capelli e favorire, grazie all’utilizzo di prodotti stimolanti, la normale ricrescita dei capelli laddove i follicoli siano ancora attivi.
Bisogna ricordare, però, che i rimedi per l’alopecia sono efficaci solo se i follicoli dei capelli non si sono già atrofizzati.

Ecco perché, in caso di alopecia temporanea si possono personalizzare efficacemente i trattamenti tricologici per minimizzare i danni ma nel caso di alopecia cicatriziale con follicoli non ancora atrofizzati, non esistono rimedi per salvare i capelli già indeboliti. L’unica cosa da fare è intervenire con trattamenti che rallentino il processo di caduta dei capelli senza dover ricorrere all’autotrapianto capelli.
Quando, invece, abbiamo a che fare con un’alopecia cicatriziale con follicoli atrofizzati, non esistono rimedi: l’unico tentativo da fare è il trapianto di capelli.

Trattamenti tricologici per capelli

Prima di procedere con un trattamento o con il trapianto capelli è fondamentale stabilire con certezza con quale tipo di alopecia abbiamo a che fare per scegliere la soluzione più efficace. È chiaro che, per determinare l’origine della tua calvizie, sono necessari degli accertamenti diagnostici che possono essere letti ed interpretati soltanto da medici specializzati.
Nella maggior parte dei casi per contrastare l’alopecia e la caduta capelli è possibile, oltre alla terapia farmacologica specifica (se necessaria), intervenire con le seguenti tecniche, combinabili fra loro secondo necessità e parere del medico.

Terapia laser per capelli

I trattamenti laser rappresentano un rimedio efficace soprattutto se utilizzati in combinazione con i trattamenti tricologici. Nel trattamento dell’alopecia, permettono di stimolare l’attività follicolare favorendo la ricrescita dei capelli.

Mesoterapia biostimolante

I trattamenti di mesoterapia per capelli con attivi biostimolanti sono in grado di penetrare all’interno dei follicoli con un effetto rivitalizzante sulla cute. Sono trattamenti indicati per favorire la crescita dei capelli e contrastarne la caduta. Possono essere effettuati anche come trattamenti preventivi, specie al cambio delle stagioni, quando i capelli tendono a cadere in misura maggiore. Il trattamento è personalizzabile con principi attivi specifici per uomo e per donna.

Dermapen capelli

Il needling con dermapen è un trattamento estremamente efficace per stimolare ed ossigenare il cuoio capelluto. Grazie a questa tecnica, veicolando specifici principi attivi diversi per uomo e per donna, è possibile trattare aree diradate, come la tipica stempiatura a forma di “M”,  aumentando la produzione cellulare e la circolazione del sangue intorno al cuoio capelluto per stimolare la crescita dei capelli.

Protocollo a microinnesti Rigenera

L’autotrapianto di capelli a microinnesti offre risultati straordinari nei soggetti che non hanno ancora raggiunto il terzo stadio della scala di Hamilton per gli uomini o il II stadio della scala di Ludwing per le donne.
Il trattamento RIGENERA, come l’autotrapianto con tecnica FUE, può essere effettuato esclusivamente da personale medico qualificato. Questo metodo prevede il prelievo di una piccolissima porzione del tessuto dal paziente. Il tessuto prelevato per il trapianto di capelli viene ridotto in particelle microscopiche che saranno poi re-iniettate nelle superfici da trattare mediante sottilissimi aghi (tecnica mesoterapica).
Questo trattamento medico della calvizie impedisce agli ormoni androgeni di esercitare i loro effetti sul follicolo e, nel contempo, stimola il follicolo a produrre capelli più grossi e più lunghi.
Con il protocollo Rigenera è possibile anche combattere le patologie infiammatorie che accelerano la progressione della malattia.
È un trattamento che richiede pazienza, in quanto la ricrescita si manifesta dopo due o tre mesi; inoltre, per ottenere i migliori risultati, dovrà essere ripetuto una volta l’anno e integrato con cicli di trattamenti medici biorivitalizzanti stabiliti dal dermatologo in base al tipo di alopecia.

Autotrapianto chirurgico per capelli

È il rimedio più estremo a cui si ricorre nei casi di alopecia cicatriziale, cioè quando i follicoli non possono più essere riattivati.
È importante sottolineare che, se il paziente non si sottopone al protocollo di mantenimento medico-dermatologico successivo al trapianto, prima o dopo andrà incontro alla perdita dei capelli trapiantati.

Benché l’autotrapianto con tecnica FUE regali grandi soddisfazioni, chi decide di optare per un trapianto di capelli deve sapere che, con molta probabilità, dovrà affrontare un secondo trapianto nell’arco dei dieci anni successivi.

Trapianto di capelli: quanto costa?

Nei Centri Diventa® ti offriamo una serie di servizi in modo che chiunque desideri un trapianto di capelli possa farlo in una clinica di qualità, sicura e prestigiosa. Non sottovalutare l’importanza di affidarsi a strutture, medici ed organizzazioni qualificate, in grado di gestire qualsiasi imprevisto: quando valuterai il costo del tuo trapianto capelli, chiediti se la cifra che ti viene presentata vale la tua sicurezza oppure no.
Desideri ricevere ulteriori informazioni sul trapianto capelli? Chiama ora il numero verde 800 912 377 o compila il modulo: ti ricontatteremo il prima possibile.

Trapianto di capelli F.A.Q.

Durante i colloqui preliminari con lo specialista responsabile del tuo trapianto troverai risposta a ogni domanda ma puoi anche iniziare subito a risolvere alcuni dubbi leggendo le domande qui sotto.

Puoi fare il tuo trapianto di capelli FUE in qualsiasi momento dell’anno. Se decidi di farlo in estate, evita di esporti al sole e cerca di stare in un ambiente fresco. L’indumento compressivo postoperatorio è traspirante e antibatterico, quindi non avrai problemi nemmeno nelle giornate più calde. Il caldo però può provocare gonfiore, e quindi rallentare lo smaltimento degli edemi postoperatori.

Il trapianto di capelli FUE richiede un periodo di riposo postoperatorio che varia in base sia all’estensione e al numero delle aree trattate, sia alla quantità di bulbi impiantati. Generalmente dopo qualche giorno potrai riprendere una vita normale evitando però di affaticarti troppo.

Certamente, anche le donne possono sottoporsi al trapianto di capelli FUE.